Trapani

Trapani, la città dei due mari

trapani

Trapani è un comune di 70.672 abitanti, capoluogo della omonima provincia. In realtà la conurbazione urbana conta circa 100 mila abitanti, in quanto una parte della città, la popolosa frazione di Casa Santa, fa capo al Comune di Erice. È posizionata nella parte occidentale della Sicilia e sorge sullo stesso promontorio dell’antica Drepanon, termine greco che significa falce, data la forma della penisola su cui sorge la città.

trapani_vecchia

Cenni Storici:Le origini di Trapani sono così antiche che affondano nella leggenda. La morfologia peculiare dell’area geografica e la vicinanza con Eryx ne fecero ben presto un topos letterario piuttosto ricercato. La mitologia vuole che la città di Trapani sia stata originata dalla falce caduta a Cerere mentre sul carro trainato da serpi alati correva per il mondo alla ricerca della figlia rapita dal dio Ade: la falce caduta in mare si mutò in una lingua di terra arcuata sulla quale sorse una città, per tale forma detta appunto Drepanon (”falce” in greco antico). Secondo un’altra tradizione mitologica Trapani sarebbe invece sorta dalla falce caduta dalle mani di Saturno dopo aver evirato il padre Urano, mentre per altri Trapani nacque dall’amore sorto tra il cielo e il mare. Per alcuni ricercatori, tra cui l’inglese Samuel Butler, la città dei Feaci – Scherie – descritta nell’Odissea di Omero sarebbe proprio l’odierna Trapani.
Nell’Eneide, Virgilio racconta le avventure dell’eroe troiano Enea e, fra esse, quella che lo portò a Drepano (Trapani) in Sicilia, accolto da Aceste, figlio di Crimiso e di Egesta. Qui, morì Anchise e qui il pio eroe seppellì la salma del padre sul monte Erice tornandovi successivamente dopo la fuga da Didone e celebrando con giochi grandiosi la memoria del genitore, giochi, chiamati ludi novendiali, che potrebbero essersi svolti nella piana di Pizzolungo, alla periferia di Trapani. Questa narrazione accredita l’ipotesi che ai tempi di questi giochi esistesse già il piccolo borgo drepanitano.
Al di là delle suggestioni mitologiche, è storicamente accertato che Trapani fu fondata dagli Elimi in una data sicuramente anteriore alla caduta di Troia (1260 a.C.). Dunque, gli Elimi, originari abitanti di Erice, fondarono in pianura un villaggio in prossimità del mare e delle terre coltivate per stabilire un centro di collegamento tra la vetta – in cui essi risiedevano e si rifugiavano per ripararsi da eventuali attacchi esterni – e il posto di lavoro, dove si dedicavano all’agricoltura e alla pesca dalla terraferma. Quando nel IX secolo a.C. i Fenici dalla vicina Cartagine si mossero verso le coste occidentali della Sicilia, trovarono già costruito dagli Elimi il borgo di Trapani e con questi ultimi lo abitarono pacificamente. Il piccolo villaggio di Trapani doveva sorgere su un promontorio, quasi un’isola, più o meno corrispondente all’attuale quartiere di San Pietro (o Casalicchio), diviso dall’entroterra paludoso mediante un canale navigabile che metteva in comunicazione il mare di Tramontana con quello di Mezzogiorno. Con la creazione della colonia fenicia il villaggio doveva contare meno di 500 abitanti. L’immigrazione dei Sicani prima (già insediati nella Sicilia occidentale), e dei Fenici e dei Cartaginesi poi, fece di Trapani una città-emporio per la sua felice posizione geografica.

trapani

Lo sviluppo del nucleo cittadino durante l’influenza cartaginese.
Quando nell’VIII secolo a.C. i Greci fondarono le prime colonie in Sicilia, i Fenici lasciarono che occupassero la parte orientale dell’Isola mentre loro si concentrarono nella zona occidentale. Durante l’influenza punica, Trapani rimase sempre città libera e alleata: si adornò di monumenti, si sviluppò commercialmente, si sganciò politicamente da Erice, molto probabilmente coniò moneta ed ebbe un fiorentissimo cantiere navale. Durante le guerre contro i Greci e Siracusa, Trapani si fortificò e si mantenne saldamente legata alle sorti di Cartagine. Da piccolo borgo, gradualmente giunse a essere una città murata di forma quadrangolare con un perimetro di più di un miglio, tutta circondata dal mare tranne che nella parte orientale. Due porte aperte nel muro di levante assicuravano l’ingresso in città dalla parte di terra. In vista dello scontro epocale con Roma, il generale Amilcare – uno dei più grandi capi militari di Cartagine – fortificò la cinta muraria e il promontorio situato nella penisola posta alla fine della baia più estesa e dotata a meridione di un profondo e vantaggioso porto naturale, trasferendovi una parte degli abitanti di Eryx. Poco prima del 260 a.C., Trapani subì dunque un nuovo allargamento, alcune torri del vecchio sistema difensivo furono abbattute, mentre se ne fabbricarono delle nuove. Amilcare fece costruire il Castello di Terra con la relativa torre a levante della città, mentre a salvaguardia del porto fece costruire Torre Pali e la Torre Peliade o Colombaia. A quel tempo, la città raggiunse una popolazione di circa 3000 persone. Verso il 250 a.C., Drepano (Trapani) era una delle ultime due roccaforti cartaginesi in Sicilia e poiché l’altra, Lilybaeum (l’odierna Marsala), era assediata dai Romani, il generale Aderbale – prima di tentare di rompere l’assedio – decise di portare le sue nuove truppe ad addestrarsi all’ombra del Monte Erice.

Commenti

Ancora nessun commento.

Spiacente, ma i commenti sono chiusi.